Menu:

Latest news:

18 Giugno
SILVIA e MARCELO con i loro 7 figli, rientrano dall'Ecuador.
Staranno in Italia qualche mese prima di ritornare nella loro missione di Zumbahua. Vai alla pagina.

Notizie recenti:
NADIA E DANIELE , ci scrivono dalla nuova missione di LA YEGUADA.
Vai alla pagina.

More info:

Scrivi a: info@omgroma.com

Links:

Sito Ufficiale
Don Bosco 3A
5x1000 DB3A
Rifugi OMG
Carta a mano.

MartiriDellaCarità:
P. Daniele Badiali
Giulio Rocca

..::  Fabiana  ::..

Dal 2010 vive nella missione di Chambruco (in Perù) dove è responsabile del taller femminile.
Fabiana è di Ronciglione, laureata in lingue, nel ‘98 è partita la prima volta per il Perù dopo vari anni di gruppo per vivere sei mesi a CHACCHO, un paesino della sierra, dove ha vissuto in un taller maschile insieme a Carlo e Anna, Sara e Irene, una famiglia di Brescia.
Dal 2003, dopo aver lavorato un anno come professoressa di francese ha deciso di ripartire a tempo lungo. Ha prima vissuto ad Uco con una famiglia di Città di Castello: Elena e Simone con due bambini, per poi prendere in mano il taller di Chambruco.

Da una lettera di FABIANA:

 

Rientrata in Italia, dopo sei mesi sulle Ande, ti rendi ancor più contoche il mondo, questo mondo, corre veloce verso le comodità, la ricerca di soddisfazioni e felicità ad ogni costo. Non abbiamo più tempo di chiederci se siamo stati noi a scegliere di salire su questo treno ad alta velocità e a direzione obbligata: ci lasciamo trasportare e basta.

Ho l’impressione che la libertà che crediamo tanto di possedere, in realtà non ci appartiene, perché ci comportiamo come tanti cloni. La televisione , con le sue “storie”, ci fa credere che la realtà sia fatta di cene al ristorante e macchine di lusso e dall’altra parte della Terra c’è chi muore di fame…

Dovremmo aprire gli occhi.

Qui in Italia mi sembra di vedere negli occhi dei giovani, l’insoddisfazione, spesso la noia, che nascondono dietro la ricerca di piaceri. Credo che abbiano bisogno di un’avventura diversa, che li impegni veramente e li porti a essere più buoni. La mia non vuole essere una critica , ma più una triste considerazione.

Invece nei ragazzi di Uco ho ritrovato la semplicità e la povertà: nei giovani come negli anziani è rimasta la ricchezza d’animo e la voglia di aiutarsi. Noi, con le ragazze della scuola, dedichiamo un giorno a settimana all’assistenza degli anziane signore o famiglie in condizioni pesantissime: è bello vedere come le nostre bambine del tallersi preoccupano per loro, come le curano, le lavano raccolgono per loro la legna. Fa molta tenerezza ogni volta assistere a queste scene. E si capisce la differenza tra elemosina e donazione totale.”